L'Underground City (Dixia cheng)

0
105
Alla fine degli anni '60, nel bel mezzo della guerra fredda ed in piena crisi diplomatica fra Cina e Russia, il governo di Pechino approvò la costruzione di giganteschi sistemi di tunnel sotteranei destinati ad uso sia militare che civile.

{denvideo www.youtube.com/watch?v=h7k9CMlPjcI 450 300 AUTOSTART}

Video di Dominique Musorrafiti, Matteo Damiani

Uno di questi, il più impressionante probabilmente, è quello che si sviluppa nel sottosuolo della capitale, per un'estensione di circa 85 chilometri quadrati e che collega molti dei punti chiave della città. La prima sezione collegava il quartiere di Zhongnanhai alle Colline Profumate, appena fuori Pechino, non molto distante dal Palazzo d'Estate, dove si trovavano, e si trovano tuttora, alcuni centri nevralgici del potere centrale. Buona parte del complesso di cunicoli si snoda nel buio ed è in stato di abbandono, ma negli anni sono state avviate una serie di attività commerciali: si va dai ristoranti agli hotel (se ne contano più di cento sotteranei in tutta Pechino!), dalle attività artigianali alle piste per gli skater, da allevamenti di funghi fino a veri e propri centri commerciali. Buona parte dei tunnel sono stati costruiti da civili e volontari nell'arco di dieci anni sotto la supervisione di unità militari. Probabilmente è impossibile calcolare il numero esatto di entrate alla città sotteranea, dato che molti dei civili che scavarono i tunnel, si assicurarono entrate direttamente dai loro negozi, assicurandosi così preziosi magazzini sotteranei, o dalle loro case. Una delle principali si trova in Xidamochang Jie, al numero 62, a circa un quarto d'ora da Tian An Men. Il prezzo del biglietto si aggira attorno ai 15 yuan.