La psicosi del virus terrorizza il mondo intero

0
55

8 aprile - Un italiano residente in Brasile, è sotto osservazione, dopo aver accusato durante il volo Parigi-Rio de Janeiro i sintomi della polmonite atipica; non appena giunto in aeroporto è stato ricoverato. L'uomo sostiene di non essere mai stato in Asia e di essere sempre rimasto a Parigi tutto il tempo del suo soggiorno all’estero. In Italia un ragazzo torna dalla Cina ed i suoi vicini lo vogliono mettere in quarantena. Il Codacons invita i genitori a non acquistare giocattoli dai venditori ambulanti cinesi, sostenendo che un pupazzo cinese “con odori nauseabondi”, può essere di dubbia provenienza chimica. Gli inglesi dimezzano i voli della loro compagnia di bandiera diretti ad Hong Kong, ed anche la Turkish Airlines sospende i voli settimanali Istanbul-Hong Kong: se non nasceranno nuove complicazioni pensa di riprendere il servizio dal 1° maggio. Invece l’Australia, anche lei coinvolta nell’allarmismo, ha deciso di mettere il virus tra le malattie sottoposte a quarantena. Le autorità sanitarie, se lo riterranno necessario, potranno obbligare chiunque sia sospettato di soffrire della polmonite atipica, a sottoporsi ad esame o a cure.